l'orto di Hyle

 

Orto biologico e filosofia eco-sostenibile

2 livelli, 600 mq

L’orto di Hyle si estende su 600 metri quadrati, su due livelli, due terreni adiacenti: uno dedicato agli ortaggi e alle piante da frutta, l’altro alle erbe aromatiche. Una scommessa fatta da Antonio Biafora, che lo coltiva personalmente e che ha piantato e ha raccolto zucchine, peperoni dolci e piccanti, melanzane e zucche, ortaggi e verdure impiegate nella cucina a vista del ristorante. Adesso, per il periodo invernale, si aspettano i fagioli, il cavolo cappuccio, la verza, il cavolfiore, la merulla – l’antico fagiolo autoctono silano – ma anche i ceci e, naturalmente, le patate, uno dei prodotti della terra simbolo della Sila.

L’orto, all’interno della struttura del Biafora Resort&Spa, è totalmente biologico: viene utilizzato come concime solo letame di capra e compost, utile anche per ridurre i rifiuti delle cucine.

Una sostenibilità circolare, che rende Hyle quasi autosufficiente, nonostante la circostanza che in altitudine la produzione di frutta e verdura sia più lenta e laboriosa. Anche per questo, tra i nuovi progetti dello chef Biafora, c’è quello di allestire una piccola serra invernale, per proteggere e agevolare le colture della stagione.

PRESS

Guida Identità Golose 2021, tutti i volti della nuova edizione

Guida Identità Golose 2021, tutti i volti della nuova edizione

Antonio Biafora è la Sorpresa dell'Anno, Miglior Chef Michelangelo Mammoliti e Solaika Marrocco. Appena annunciati i protagonisti della guida Identità Golose 2021. Presentata ufficialmente il 18 marzo la guida Identità Golose 2021. Un’edizione, la quattordicesima, che...

LA LEPRE IN CUCINA

LA LEPRE IN CUCINA

Vessillo zoomorfo di tutta l’alta cucina, specie di quella classica francese, la lepre è il grimaldello della consacrazione gastronomica di qualunque chef sin dai tempi di Archestrato da Gela che nella seconda metà del quarto secolo a.C. scriveva che: “Sono molti i...